CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Da cosa si depura l’acqua?

Quali sono le sostanze che vanno eliminate dall’acqua grezza? In natura l’acqua risulta ricca di minerali, fosfati e altre sostanze che decisamente non fanno bene all’organismo umano: ferro e manganese, idrogeno solforato, solfati, metalli pesanti come piombo e arsenico dovuti agli scarichi industriali, idrocarburi, fitofarmaci e solventi, ammoniaca, nitrati e nitriti sono alcuni degli elementi chimici e fisici che si trovano nell’acqua grezza e da cui bisogna depurarla.

Senza dimenticare che in tutte le acque grezze sono presenti anche forme di vita microbiologica come il plancton, protozoi, miceti, batteri patogeni o di origine ambientale e virus, che non gioverebbero al corpo umano se ingeriti tramite acqua, per questo bisogna procedere alla sua depurazione anche per via biologica. Il processo di depurazione, quindi, va effettuato per poter assicurare che l’acqua trattata risulti idonea dal punto di visto organolettico, ovvero che sia inodore, insapore, e incolore, mentre dal punto di vista prettamente fisico l’acqua deve risultare caratterizzata da una temperatura standard, una determinata conducibilità elettrica e un pH fisso.

Dal punto di vista chimico-biologico infine, l’acqua del rubinetto deve presentare un certo carico organico e una certa salinità e durezza, così come una determinata quantità di microinquinanti non patogeni. L’unico scoglio che rende problematica una risolutiva eliminazione delle sostanze nocive è rappresentato dal fatto che per natura l’acqua sia anche un solvente.

Iscriviti alla newsletter

Realizzato da CastroADV